News

Meglio prevenire…!

07 Gennaio 2013

Gli ultimi due mesi di gravidanza sono spesso faticosi per la donna: si dorme poco, il mal di schiena inizia a farsi sentire ed a volte ritornano persino le nausee.
Allo stesso tempo si vivono emozioni intense; si è al centro dell’attenzione e ci si sente coccolate e coperte di attenzioni.

Proprio perché nei mesi futuri il bimbo diventerà protagonista indiscusso delle nostre giornate, in qualità di Family Manager consiglio sempre alle future mamme di pensare con anticipo, e quindi prima del parto, alla gestione del piccolo quando sarà il momento di rientrare al lavoro.

Ciò permetterà alla famiglia di dedicarsi totalmente al nascituro ed evitare stress, agitazione e caos inutile in un momento già piuttosto difficile.

Nelle grandi città, in particolare Milano, i posti disponibili nei nidi sono pochi rispetto alla richiesta. A volte capita che in strutture private sia necessario “prenotare” il posto addirittura prima che il bimbo sia nato;  in quelle comunali, invece, si può sperare di accedere alla graduatoria solo se il valore dell’ISEE che attesta il reddito della famiglia si trova al di sotto di un certo punteggio.

Insomma, bisogna attivarsi per tempo.

Quando si è a casa in maternità, sarebbe pertanto opportuno stilare una prima lista sulla quale riportare:
- le caratteristiche “base” desiderate per l’asilo e le relative priorità
(si preferisce avere un nido vicino a casa o al lavoro?si cerca un nido bilingue?quale orario segue la struttura?da quale età il nido accoglie i bimbi?)
- il budget mensile previsto per il suo costo
- la definizione delle caratteristiche specifiche della struttura
(tipo di attività svolte, organizzazione burocratica e gerarchica al suo interno…)
- orario giornaliero previsto di frequenza del bimbo
- periodo e durata di inserimento del piccolo al nido

A questo punto dovremo monitorare le date degli open day degli asili che interessano per avere modo di visitarle e di conoscere il personale che ci lavora.

Definito poi il nido, ci accerteremo sulle modalità e sui tempi di iscrizione; in ultimo, in caso di assenza di aiuto da parte dei nonni, considereremo la possibilità di assumere una baby sitter che accudisca il bimbo fino al nostro rientro serale a casa.

Altre News